Minerali tra i capelli

Minerali tra i capelli

Oggi parliamo di un esame molto diffuso ma poco conosciuto, il mineralogramma, cioè l’analisi del capello. È un esame che ha alle spalle una letteratura ormai vasta e che ha ricevuto attestati di merito autorevolissimi. In Italia è ancor poco nota, invece negli Stati Uniti viene utilizzato come esame di prevenzione.

Cos’è il mineralogramma?

L’analisi minerale del capello o mineralogramma viene effettuata sottoponendo a spettrofotometria atomica un campione pilifero prelevato su diversi punti del capo, per un tratto di circa 3 cm a partire dalla radice. Per i soggetti calvi possono essere prelevati peli pubici o ascellari.

L’obiettivo specifico dell’analisi del capello è a scopo qualitativo e quantitativo dei minerali biologici presenti o no. Infatti i capelli, attraverso i follicoli, sono in rapporto coi liquidi presenti nel nostro organismo e, grazie allo zolfo contenuto nella cheratina, si possono captare e immagazzinare i minerali assorbiti con l’alimentazione.

Perché i capelli?

Ricordiamo che i capelli sono un tessuto di deposito. Si tratta quindi di un campione biologico di medio periodo, che non si limita solo a segnalare accessi o carenze minerali, ma ha la capacità di valutare la presenza di sostanze esistenti anche a basse concentrazioni detti minerali di traccia.

La valutazione è opportuna in condizioni:

  • Gravidanza (valutazione dell’esposizione dei metalli pesanti e ai loro antagonisti, come calcio, ferro e selenio);
  • Allattamento (carenze nutrizionali) o prima infanzia;
  • Menopausa;
  • Astenia;
  • Patologie o alterazioni del sistema immunitario (malattie autoimmuni, deficit, ipersensibilità etc);
  • Alterazioni endocrine e dismetaboliche;
  • Alterazioni delle funzioni sessuali (infertilità);
  • Condizioni nutrizionali alterate (disbiosi croniche, malattie intestinali,crohn, anoressia, bulimia, patologie tumorali);
  • Medicina di prevenzione;
  • Sovrappeso e ritenzione.

Dai risultati del mineralogramma alle diete su misura

Il modo in cui mangiamo ha ripercussioni da non sottovalutare sulla nostra energia, sul nostro umore e sulla nostra SALUTE.

Per questo il panorama NUTRIZIONALE può e deve intervenire con interventi alimentari mirati ed integrativi.

Condividi:

Lascia un commento